Questo sito utilizza cookie suoi e di terze parti per rendere la navigazione più facile e per raccogliere dati statistici sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso all’utilizzo dei cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su uno qualsiasi dei suoi elementi o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Visto Schengen con invito e fideiussione

per visitare cittadini dei paesi Schengen o residenti nei paesi Schengen


  • richiesto solo per alcuni cittadini extra-Ue

    Tipologia: 90 giorni, 1 ingresso o multi



  • richiesto solo per alcuni cittadini extra-Ue

    Tipologia: 90 giorni, 1 ingresso o muilti


 

Il Visto Schengen Uniforme (VSU) permette di viaggiare nei 26 paesi europei che hanno aderito alla Convenzione di Schengen. Ottenuto il visto da uno di questi paesi, con lo stesso visto è possibile visitare anche gli altri paesi dello spazio Schengen, entro i limiti e la validità del visto stesso.

Il visto può essere ottenuto tramite l'invito di un cittadino di un paese Schengen o di una persona che risiede in un paese Schengen con permesso di soggiorno. Può essere ad esempio richiesto da un cittadino cubano che vuole visitare un amico italiano, ma anche da un cittadino bengalese che vuole visitare un parente di nazionalità bengalese che vive e lavora in Italia.

Oltre all'invito e ad altri documenti, per ottenere il visto Schengen è necessario presentare anche un estratto conto bancario con fondi sufficienti ad affrontare le spese di viaggio. Consulta la Tabella dei fondi minimi richiesti dai Consolati italiani.

In alternativa, se dall'estratto conto del richiedente non risultano fondi sufficienti, l'invitante può sottoscrivere una fideiussione con un istituto bancario o una finanziaria che si trova nel paese Schengen in cui vive. Se ad esempio un cittadino dominicano vuole visitare un amico italiano e non ha fondi sufficienti, l'amico italiano dovrà stipulare in Italia una fideiussione a garanzia del viaggi.

Se invece il richiedente ha intenzione di viaggiare con un amico cittadino Schengen, ma ha fondi sufficienti per il viaggio e pernotterà in hotel, deve presentare i documenti richiesti per il il visto Schengen per turismo.

Gli stessi documenti potrebbero essere richiesti ai controlli aeroportuali o ai confini terrestri tra gli stati Schengen a chi esibisce un visto emesso da un altro paese.

 

Durata e ingressi del visto Schengen

Il visto Schengen viene rilasciato con un soggiorno massimo di 90 giorni da utilizzare in un solo viaggio (un ingresso) o in più viaggi (multi ingresso). Generalmente, tuttavia, i visti Schengen vengono rilasciati per una durata pari a quella indicata dai documenti presentati, come prenotazioni di voli e hotel, lettere d'invito, fideiussioni e polizze sanitarie. I visti più lunghi (multi-ingresso con 90 giorni da utilizzare nell'arco di 6 mesi) di solito sono concessi soltanto a chi ha già ottenuto un visto Schengen in passato.

Non è possibile soggiornare nell'area Schengen per turismo per più di 90 giorni nell'arco di 6 mesi. Se il richiedente ha già trascorso 90 giorni nei paesi dell'area Schengen (come totale di tutti i giorni trascorsi in uno o più dei 26 paesi dello spazio comune) deve attendere un nuovo semestre per richiedere un nuovo visto Schengen.

Visto Schengen 1 ingresso: permette di entrare nell'area Schengen una sola volta e di muoversi liberamente all'interno dei 26 paesi europei; usciti dall'area comune, il visto non è più valido anche se non sono stati utilizzati tutti i giorni concessi

Visto Schengen 2 ingressi: permette di entrare nell'area Schengen per due volte e di muoversi all'interno dei 26 paesi europei; usciti dall'area comune per la seconda volta, il visto non è più valido anche se non sono stati utilizzati tutti i giorni concessi

Visto Schengen multi-ingresso: permette di entrare e di uscire più volte dall'area Schengen in un arco determinato di tempo, soggiornando in totale nei paesi Schengen per un numero determinato di giorni. Se ad esempio il visto è valido dal primo gennaio al 30 giugno e permette un soggiorno di 90 giorni, significa che nell'arco di quei 6 mesi è possibile entrare ed uscire più volte dalla spazio comune, ma la somma di tutti i soggiorni non deve superare i 90 gironi.

 

Chi ha bisogno del visto Schengen

  • cittadini italiani e degli altri paesi Schengen: non hanno bisogno di visto per viaggiare nei paesi dell'area Schengen; come documento di viaggio è sufficiente la carta d'identità
  • cittadini extra-Schengen con permesso di soggiorno in uno dei paesi dell'area: non hanno bisogno del visto; possono viaggiare con passaporto e permesso di soggiorno 
  • i cittadini di alcuni paesi extra-Schengen possono soggiornare nei paesi dell'area Schengen per 90 giorni senza visto per turismo o affari
  • i cittadini di tutti gli altri paesi extra-Schengen hanno bisogno di un visto per visitare i paesi dell'area, per qualsiasi motivo di viaggio

Non hanno bisogno del visto Schengen: Albanesi, Argentini, Australiani, Brasiliani, Canadesi, Colombiani, Coreani del Sud, Croati, Macedoni, Giapponesi, Israeliani, Malesi, Messicani, Neozelandesi, Peruviani, Serbi, Statunitensi, Venezuelani e i cittadini di altri 41 paesi

Hanno bisogno del visto Schengen (se non sono residenti in un paese Schengen): Algerini, Bielorussi, Bengalesi, Capoverdiani, Cinesi, Cubani, Dominicani, Ecuadoriani, Egiziani, Eritrei, Etiopi, Filippini, Indiani, Indonesiani, Iraniani, Kenioti, Kosovari, Libanesi, Libici, Marocchini, Nigeriani, Russi, Senegalesi, Siriani, Somali, Srilankesi, Thailandesi, Tunisini, Tunisini, Vietnamiti, Ucraini e i cittadini di altri 71 paesi

Vai alla Lista completa delle nazionalità che hanno bisogno del visto

Dove e come richiedere il visto Schengen con invito

La domanda per il visto Schengen con invito va presentata di persona dal richiedente nel suo paese di residenza, presso il Consolato del paese Schengen in cui risiede la persona che lo invita. Se ad esempio un cittadino cubano è invitato in Italia da un amico italiano, dovrà richiedere il visto al Consolato Italiano a L'Avana. Allo stesso modo se un cittadino bengalese è invitato in Italia da un altro cittadino bengalese che risiede in Italia, dovrà presentare la domanda per il visto Schengen al Consolato Italiano a Dhaka. Alla domanda dovrà allegare i documenti elencati più in basso e se gli verrà richiesto dovrà sostenere un'intervista per spiegare i motivi del viaggio.

Una volta ottenuto il visto è possibile viaggiare negli altri paesi dell'area Schengen fino alla sua scadenza, fermo restando che la meta principale del viaggio deve restare il paese che ha emesso il visto. Tra un paese Schengen e l'altro, ai controlli aeroportuali o ai confini terrestri, potrebbe essere richiesto di esibire prenotazioni di voli e hotel, o di dimostrare di essere in possesso di fondi sufficienti per affrontare le spese di viaggio.

Per maggiori info sul consolato competente, vai a Dove richiedere il visto Schengen

 

Documenti Visto Schengen con Invito

I documenti vanno presenatati di persona dal richiedente, sia in originale che in copia. Ogni consolato potrebbe richiedere documenti aggiuntivi. Per una lista ufficiale, si consiglia di contattare il singolo consolato presso cui verrà presentata la domanda.

  • Passaporto con almeno 2 pagine libere consecutive, valido per almeno 90 giorni dopo la fine del viaggio e per almeno 6 mesi dal momento della richiesta
  • Modulo di richiesta del visto compilato e firmato - scarica il modulo per il Consolato Italiano
  • Due foto recenti formato passaporto (45 mmx35 mm) su sfondo chiaro
  • Vecchio passaporto scaduto o annullato (se disponibile)
  • Carta d'identità o permesso di residenza del paese da cui si richiede il visto
  • Itinerario completo del viaggio - con città, date e mezzi di trasporto
  • Prenotazione dei voli di andata e ritorno
  • Lettera d'invito di una persona residente in un paese Schenghen - scarica la lettera d'invito per il Consolato Italiano, che deve essere compilata dall'invitante italiano o residente in Italia
  • Copia del documento d'identità dell'invitante - per Italia: passaporto o carta d'identità se l'invitante è cittadino italiano; passaporto più permesso di soggiorno se l'invitante non è cittadino italiano e risiede in Italia
  • Fideiussione richiesta dall'invitante ed emessa in Italia da un istituto bancario o da una finanziaria (solo se chi richiede il visto non ha fondi sufficienti - vai alla Tabella dei fondi minimi richiesti dai Consolati Italiani)
  • Estratto conto bancario con i movimenti degli ultimi 6 mesi
  • Lettera del datore di lavoro su carta intestata con timbro e firma del responsabile - deve indicare il salario, gli anni di servizio, la posizione lavorativa, le date del viaggio e le ferie concesse (o per gli studenti, lettera dell'università con situazione degli studi)
  • Assicurazione medica con massimale di almeno 30.000 euro valida nei paesi Schengen per tutta la durata del viaggio (solo con compagnie riconosciute dai consolati)

Se non vi affidate a un'agenzia, prima di mettervi in viaggio contattate sempre il consolato competente. Ufficiovisti.com non è responsabile per eventuali informazioni non aggiornate o non corrette.